Cessione intracomunitaria di beni con lavorazione (Stefano Amoroso)

Con il principio di diritto n.10/2018 l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti sulle cessioni intracomunitarie di beni soggetti a lavorazioni in uno Stato diverso da quello di destinazione. La  circolare 13/1994, in tale ambito, prevede il caso in cui un operatore nazionale ceda beni a soggetto EU1 con consegna per conto di quest'ultimo, per successiva lavorazione ad altro soggetto EU2, il quale al termine della lavorazione ne cura l'invio al soggetto EU1.

L’operazione in commento viene qualificata come cessione intracomunitaria dall’operatore italiano all’operatore EU1.

Il principio di diritto 10/2018 specifica che tali chiarimenti valgono anche nel caso in cui il committente EU1 sia identificato nel paese dove viene effettuata la lavorazione.

Tale impostazione è coerente con la circostanza che i beni hanno come destinazione finale il paese di stabilimento del committente e la proprietà dei predetti beni viene trasferita dal cedente italiano al committente nel paese di destinazione del bene.



Condividi questa news:testita
Twitter Facebook Google+ Linkedin
Torna